Select Page

Con una campagna caratterizzata dal claim “L’estate è uno stato d’animo”, il Gruppo Nicolaus prolunga al 30 aprile la validità dell’Early Booking dei due brand Valtur e Nicolaus Club, facilitando ulteriormente le modalità di prenotazione, annullamento o modifica della pratica.

Le nuove condizioni sono state pensate per concedere il massimo della flessibilità ai clienti e per mettere a disposizione delle agenzie di viaggi un’ulteriore leva commerciale. Chi decide di prenotare, infatti, avrà in automatico miglior tariffa da catalogo, con la certezza di poter modificare o annullare la pratica fino a 10 giorni dalla partenza e senza eccezioni relative alle date del soggiorno: le condizioni della nuova formula dell’Early Booking del Gruppo Nicolaus valgono, infatti, per soggiorni con ritorno fino al 28 dicembre e interessano tutta la programmazione nazionale e internazionale.

Confermata anche la gratuità, sempre applicabile, per almeno un bambino in camera con due adulti (una mini quota è prevista in caso di pacchetto con volo) e totalmente in omaggio sarà, inoltre, la garanzia “Blocca Prezzo” che elimina gli adeguamenti carburante e valutari.

“La voglia di viaggiare è ancora presente e, anche se il panorama è incerto, crediamo sia importante fare tutto il possibile per sostenere il mercato, premiare chi ha fiducia nel futuro e non rinuncia al sogno e per mettere la distribuzione nella condizione di avere argomenti di vendita utili, perché flessibili. È l’unica cosa che possiamo fare in questo momento, parallelamente a pianificare in prospettiva un nuovo modo di stare negli spazi che interesserà ineludibilmente anche il nostro settore”, commenta Isabella Candelori, Direttore Commerciale del Tour Operator.

“Abbiamo scelto di associare questa iniziativa al claim “L’estate è uno stato d’animo” per trasmettere chiaramente che, anche se la stagionalità è stata inevitabilmente sconvolta, c’è una possibilità concreta di ripensare alle vacanze e alla progettualità delle nostre vite. Per questo abbiamo deciso – conclude Candelori – di non mettere limiti alla possibilità di prenotare, modificare e riprogrammare il proprio soggiorno”.