Select Page

Si chiama 20:21 Il Turismo della sera il web format che andrà in onda dal lunedì al venerdì in diretta su Facebook, YouTube e LinkedIn a partire da lunedì 18 gennaio.

Un progetto editoriale rivolto agli addetti ai lavori del settore del turismo e frutto delle riflessioni di due noti professionisti del settore Travel & Aviation: Fabio Zinanni (Sales & Marketing Manager Saudi Arabian Airlines, travel writer e docente di Turismo presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”) e Nicola Romanelli (consulente strategico, ex manager Club Med, fondatore di brandsavetheworld, co-fondatore di CV Start e ideatore di Travel Hashtag).

«Durante il primo lockdown, la mia iniziativa “5 chiacchiere con…” ha prodotto numeri davvero sorprendenti a tal punto da spingermi a pensare di dare continuità a quell’idea.» – racconta Zinanni – «Ci ha pensato l’amico Romanelli, che non a caso di lavoro fa lo stratega, a propormi con tempismo perfetto un’ipotesi di evoluzione strutturata del format che ci vedrà entrambi impegnati nella doppia veste di autori e conduttori».

20:21 Il Turismo della sera sarà una striscia quotidiana di approfondimento che andrà ad attingere dall’attualità, ma che si prefigge l’obiettivo di dare voce al comparto tutto, anche quello meno noto che non fa quasi mai notizia. Ogni puntata durerà circa 25 minuti ed avrà un tema specifico che sarà sviluppato con il contributo di esperti del settore, giornalisti, blogger, politici e amministratori locali.

«Sono stato ospite nel programma di Zinanni lo scorso maggio e da allora ci siamo confrontati più volte sulla necessità di creare qualcosa di utile al servizio di chi alimenta con passione il settore dei viaggi, a maggior ragione in un momento delicato come questo» – spiega Romanelli – «20:21 Il Turismo della sera non avrà un sito ufficiale né profili social dedicati e le dirette saranno trasmesse tramite i nostri canali di comunicazione abituali. L’intenzione è quella di tenere alta l’attenzione sul nostro settore attraverso un’iniziativa senza fronzoli, ma qualitativa sotto il profilo dei contenuti».