Select Page

Qatar Airways, nelle ultime settimane, ha riportato a casa più di un milione di persone oltre ad aver trasportato più di 70.000 tonnellate di attrezzature mediche e aiuti umanitari.

La compagnia in Italia continua a dare la possibilità, agli italiani bloccati all’estero, di ricongiungersi con i propri cari tramite l’aeroporto di Roma Fiumicino. Qatar Airways, che ha riadattato temporaneamente i propri servizi, continua a operare con una frequenza di 4 volte alla settimana. A partire da maggio saranno operativi i voli in partenza dall’aeroporto verso alcune delle destinazioni attualmente servite dalla compagnia.

L’Amministratore Delegato del Gruppo Qatar Airways, Akbar Al Baker, ha dichiarato: “Tutto il team di Qatar Airways ha lavorato duramente nelle ultime settimane per riportare a casa le persone bloccate all’estero. Abbiamo costruito un forte livello di fiducia con i nostri passeggeri, i governi, i partner di viaggio e le imprese di trasporto merci come soggetto affidabile quando c’era più bisogno di noi e continuiamo a offrire un programma operativo dove possibile e consentito dai governi. Abbiamo anche introdotto un sistema di differimento dello stipendio dei dipendenti, che la Società accrediterà il più presto possibile quando le circostanze lo permetteranno. Anche molti altri gruppi di lavoro all’estero e a tutti i livelli occupazionali si sono offerti di accettare il differimento volontario dello stipendio in solidarietà con i colleghi, rafforzando il fatto che la famiglia di Qatar Airways Group è quella che ha a cuore i migliori interessi l’uno dell’altro e della compagnia aerea”.

“So che molti dei nostri dipendenti – conclude l’AD della compagnia – hanno lasciato la famiglia e gli amici a casa per impegnarsi a costruire questa compagnia aerea con me e faremo sempre ciò che è nel migliore interesse sia dell’azienda che del nostro personale, così impegnato. Non potrei essere più orgoglioso del nostro team che ha lavorato duramente per costruire una fiducia ancora maggiore con i viaggiatori”.