Select Page

di Antonella Lusseri – Un territorio infinito capace di regalare un’esplosione di emozioni nella sua grande varietà di “cose da fare”. La provincia di Trapani cresce ed è meta gettonata dai turisti che trovano nello stesso posto: mare, montagna, terme, storia, cultura, tipicità e tradizioni culinarie. Famosi gli aperitivi al tramonto vista Egadi, con gli spettacolari giochi di colore nelle vasche delle saline; ma anche, in barca dove si vive un’esperienza suggestiva, mentre il sole cala piano per essere, in un attimo, inghiottito all’orizzonte dal mar Mediterraneo.

Ad allargare la To Do List trapanese ci ha pensato la compagnia aerea Albastar, operativa sull’aeroporto Trapani-Birgi da circa un anno, che ha voluto celebrare questa nuova stagione estiva con un evento del tutto singolare, sostenuto da Airgest: NOWHERE FLIGHT SICILY, un volo panoramico della Sicilia, senza destinazione, con degustazione accompagnata da musica live, dj set e intrattenimento ad alta quota. Un’iniziativa originale per celebrare il territorio in cui la compagnia spagnola è operativa con sei collegamenti nazionali (Roma Fiumicino, Milano Malpensa, Parma, Brindisi, Cuneo, Napoli); per brindare alle superate difficoltà dell’emergenza sanitaria; per promuovere luoghi e soggetti capaci di far vivere ai turisti un’esperienza di viaggio unica e di “buon gusto”. Con lo Chef in volo, infatti, non erano i tradizionali snack confezionati ad essere offerti dalle hostess ma i sapori freschi e tipici del territorio, che raccontano cultura e tradizioni siciliane. Lo chef marsalese Nicola Sammartano ha proposto la bruschetta etrusca, portando al palato le conoscenze di un popolo esperto nella conservazione del pesce e nella produzione di formaggi a pasta molla. I suoi ingredienti con caciocavallo e ragusano, alici di Siracusa, pane di farina di grano duro rappresentano già un viaggio della Sicilia. In degustazione, anche, il tramezzino favignanese, con una mousse di capperi di Pantelleria, la cipolla caramellata di Partanna, un battuto di olive di Nocellara del Belice e tonno affumicato di Favignana. Le portate sono state accompagnate dal prodotto principe della tradizione agricola territoriale: il vino delle Cantine Fina. Vitigno autoctono per Kebrilla, l’internazionale Viogner con Vola Vola e lo Zibibbo secco con Taif. In ogni calice il racconto di un territorio che si incastra in una formula nuova di esperienza di viaggio con una nuova prospettiva panoramica della Sicilia, a bordo di un moderno e confortevole Boeing 737/800 sorvolando i suoi luoghi simbolo come l’Etna, le isole Eolie, le Egadi, la Valle dei Templi, Siracusa. Il tutto in conformità con tutte le norme anti Covid grazie ai costanti rigidi controlli e all’osservanza delle regole da parte di un attento e puntuale lavoro del personale a bordo. In occasione di questo volo senza meta, Albastar ha annunciato l’ampliamento delle tratte con il prestigioso collegamento internazionale: il volo diretto per Dubai a partire da ottobre con due frequenze settimanali, il giovedì e la domenica, in programma fino a marzo 2022.