Select Page

La BMT di Napoli  segna una spinta propulsiva rigenerante per le attività di promozione dell’Ente Nazionale per il Turismo Thailandese in Italia che sarà presente con una nuova grande area progettata per il “debutto” nel padiglione 5, stand E18-E21.

L’attività di contatto con il mercato e le sinergie non si sono mai fermate anche nel periodo pandemico, ma il ritorno al rapporto in presenza con agenti e operatori turistici è un punto di svolta a cui l’Ente si presenta con due novità importanti.

Il nuovo stand nasce dalla collaborazione tra Ente Nazionale per il Turismo Thailandese e Qatar Airways che, in questa occasione condivideranno gli spazi come preludio ad una partnership che prenderà sempre più vigore in futuro. Un’area interna sarà interamente dedicata al golf. Si tratta di un vero e proprio green in versione ridotta ideato per agenti e operatori del settore che potranno interagire in maniera più attiva con il mondo thai sfidandosi per aggiudicarsi, oltre ai premi giornalieri, due biglietti per il Paese del sorriso messi in palio da Qatar Airways.

Il focus principale dell’attività delle prossime settimane dell’Ente per il Turismo Thailandese in Italia è senza dubbio la riapertura di Phuket ai turisti internazionali che abbiano completato il percorso vaccinale. Dal 1° luglio, Phuket sarà infatti la prima destinazione thailandese a spalancare le sue porte ai turisti stranieri revocando i requisiti di quarantena nell’ambito del programma “Phuket Sandbox”. Il protocollo stabilisce che tutti i viaggiatori in arrivo saranno, comunque, tenuti a sottoporsi a un tampone d’ingresso e a soggiornare in una struttura ricettiva certificata Amazing Thailand Safety and Health Administration (SHA) Plus per non meno di 14 notti. In seguito, potranno viaggiare per visitare altre destinazioni thailandesi. La BMT rappresenta l’occasione migliore per lanciare la campagna di comunicazione legata a questo importante evento e per presentare il protocollo che il governo thailandese ha predisposto per la riapertura. Il medesimo percorso verrà, poi, esteso nel corso dell’anno a tutte le altre mete turistiche. L’isola iconica per eccellenza del turismo nel sud-est asiatico diventa quindi il simbolo del nuovo inizio per riavviare i contatti con il mondo, per stimolare l’economia locale, per riprendere a godere di nuove esperienze e riempire quel cassetto dei ricordi che avevamo temporaneamente chiuso.