Select Page

Il Gruppo Alpitour ha fornito aiuti umanitari al Governo spagnolo, attraverso la sua società spagnola Jumbo Tours Group, per portare forniture mediche dalla Cina. Tramite la compagnia aerea Neos, anch’essa proprietà del Gruppo, Jumbo Tours ha noleggiato “Spirit of Italy”, uno dei 787 Dreamliner di Noes, per realizzare la rotta Cina-Spagna e portare forniture mediche: il volo è atterrato sabato 4 aprile all’Aeroporto di Madrid – Barajas Adolfo Suárez con circa 2,5 milioni di mascherine.

L’aereo è partito dall’aeroporto di Shanghai Pudong e ha trasportato un carico di diverse tonnellate di materiale medico. L’intera operazione di trasporto è sostenuta dal Gruppo Alpitour. Il volo è stato possibile grazie all’esperienza di Neos, che dispone delle autorizzazioni necessarie per operare in Cina, poiché ha già effettuato voli umanitari nelle ultime settimane per l’Italia, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, la Protezione Civile e l’Ambasciata Italiana in Cina: in particolare, 4 voli da Pechino e 1 da Shenzhen.

Gabriele Burgio, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Alpitour, ha spiegato: “Il nostro Gruppo ha messo a disposizione le sue risorse, assumendosi il costo di questo primo volo per la solidarietà e il rispetto che nutriamo per la Spagna, un paese con il quale abbiamo mantenuto una stretta relazione da oltre 45 anni. In Spagna esiste anche un numero importante dei nostri principali partner commerciali, principalmente società alberghiere e di servizi turistici”.

“Dall’inizio della crisi sanitaria – le parole di Ginés Martínez Cerdán, CEO del Gruppo Jumbo Tours – Neos ha svolto un forte lavoro umanitario in Italia: sia per il rimpatrio di oltre 20.000 cittadini italiani sia per operare voli che hanno portato forniture mediche. Di fronte a questa complicata situazione che sta colpendo anche la Spagna, abbiamo fatto questo passo, mettendo a disposizione la nostra esperienza e capacità logistica. L’obiettivo è aiutare, al meglio delle nostre capacità, il recupero della Spagna e del suo settore turistico”.