Select Page

Se è vero che nell’ultimo anno il web è stato importante per mantenere contatti e connessioni, è altrettanto vero che c’è un grande bisogno, laddove possibile, di andare oltre la dimensione virtuale. Anche per questo Futura Vacanze ha deciso di mandare in stampa un’edizione cartacea dei suoi cataloghi.

La distribuzione su scala nazionale prenderà il via a partire da lunedì e seguirà l’evoluzione dei colori delle differenti regioni. Le agenzie riceveranno, quindi, a breve i volumi “Futura Club”, “Mare Italia” e “Monti” già consultabili online insieme alle programmazioni Mare Estero, Benessere e Mondo.

“È necessario dare un segnale di una concreta ripartenza. Iniziamo quindi a ripopolare e dare colore agli scaffali delle agenzie con tutto il prodotto che possiamo offrire. Questo ultimo anno ci ha fatto scoprire ancora di più la comodità di poter sfogliare in qualsiasi momento le edizioni digitali dei cataloghi, ma crediamo fortemente che l’edizione cartacea resti uno strumento molto apprezzato dalle agenzie e dai clienti che potranno avere qualcosa di tangibile da portare a casa”, commenta Belinda Coccia Direttore Commerciale Trade.

In agenzia arriverà anche il nuovo catalogo “Monti”. L’offerta spazia tra Alto Adige, Trentino, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Lazio e Abruzzo: 7 regioni e 36 proposte diverse in cui poter decidere di spendere il proprio tempo, tra delizie gastronomiche locali, passeggiate mozzafiato, tour in mountain bike e relax a bordo piscina, con l’obiettivo di fare il pieno di energia a stretto contatto con la natura. E fino al 30 Aprile, anche per la montagna estiva, è possibile aderire alla promozione “Liberi di Annullare” che prevede la cancellazione gratuita della prenotazione, per qualsiasi motivo, fino a 7 giorni prima della partenza.

 “Siamo molto soddisfatti, di portare in ADV, oltre alle nostre pubblicazioni mare anche il catalogo interamente dedicato alla montagna estiva, tipologia di vacanza che soddisfa perfettamente il grande bisogno di natura e di stare all’aria aperta”, conclude Belinda Coccia.